Estate Musicale


La chiesa parrocchiale di Castagno d’Andrea nella quale si tengono i concerti dell’Estate musicale fu ricostruita nel dopoguerra dopo le distruzioni tedesche e negli anni ‘60 è stata arricchita dagli affreschi di Pietro Annigoni.
 
L’Estate Musicale nasce nel 1979 quando don Bruno Brezzi, grande appassionato di musica nominato da poco parroco della Parrocchia di San Martino, organizza nel luglio di quell’anno la I edizione dell’Estate Musicale di Castagno d’Andrea con la finalità di accrescere il livello culturale della popolazione ed offrire una valida proposta anche ai numerosi villeggianti estivi.
 
Negli anni successivi si è costituita l’Associazione Andrea del Castagno che ha rilevato l’incarico dell’organizzazione materiale della manifestazione, data l’importanza che sempre più essa andava assumendo sia come evento culturale che come occasione di sviluppo turistico.
Bruno Brezzi è rimasto il tenace animatore e direttore artistico anche per i rapporti di amicizia che lo legano a molti degli artisti protagonisti del Festival.
Le edizioni si sono susseguite senza alcuna interruzione e il calendario si è stabilizzato con l’offerta dei concerti nel mese di agosto. In questo periodo non è raro incontrare per le strade del paese gli artisti in conversazione con gli abitanti del luogo o in cammino sui sentieri delle montagne. I motivi ispiratori dell’Estate, gli obiettivi che si propone, il clima che intende creare, le caratteristiche personali di chi la anima spiegano infine la scelta fatta fin dall’inizio di non trasformare in affare economico l’evento e di garantire l’ingresso gratuito a tutti i concerti.
Nel corso degli anni l’Estate Musicale ha riscosso un crescente successo di pubblico, non più limitato ai soli residenti e villeggianti e ha elevato progressivamente il livello artistico, a tal punto ormai da porla sullo stesso piano di manifestazioni più celebrate.
 
Artisti sempre più importanti e rinomati si sono dunque esibiti nella Chiesa di San Martino, sotto il suggestivo affresco di Annigoni. A evidenziarne il livello raggiunto bastino alcuni nomi, fra i più celebrati in campo nazionale e internazionale: M. Horszowski, A. Schiff, A. Lonquich, A. Lucchesini, M. Campanella, F. Rossi, G. Carmignola, I Solisti Veneti, ecc.
Nelle più recenti edizioni l’Estate Musicale si è data l’obiettivo di favorire la comunicazione e la conoscenza tra culture diverse nella consapevolezza che la musica è un mezzo tra i più idonei e efficaci per la promozione della pacifica convivenza e il reciproco arricchimento di culture e popoli diversi. Inoltre si è impegnata a dare visibilità a giovani validi musicisti con lo scopo di offrire un piccolo contributo all’espressione del loro talento e alla realizzazione di un futuro artistico.















Nessun commento:

Posta un commento